Da oltre 15 anni Carloforte è lo scenario di questa gustosissima manifestazione dedicata alla valorizzazione del tipico piatto principe della tradizione culinaria tabarkina: il cascà.
 
Il cascà o cashcà è un cibo di derivazione araba, peculiare della popolazione di Carloforte, derivato dal cus cus tunisino. A Carloforte è chiamato cashcà, anche pronunciato (italianizzato) "cascà", per quanto nella pronuncia corretta, in lingua tabarchina la "h" indichi una pronuncia a "denti serrati”.
 
La ricetta di Carloforte, detta anche "tabarchina" prevede di mescolare un condimento di diverse verdure (ceci, piselli, verza, carota, finocchio, melanzana, zucchina, cipolla) ed aromatizzata con erbe (finocchio selvatico) e spezie (coriandolo, cannella, chiodi di garofano, anice stellato).
 
La manifestazione si svolge nella suggestiva location del centro storico di Carloforte e solitamente si svolge in due o tre giornate a fine aprile. Appuntamento molto atteso dai cittadini ma soprattutto dai tantissimi visitatori, si svolge in tre giorni di divertimento no stop che abbraccia le intere giornate fino a sera. Una mostra mercato e un villaggio espositivo di prodotti tipici, arti e mestieri animano il centro di Carloforte, mentre piazza Repubblica ospita le degustazioni del cuscus tabarchino con sessanta diverse varianti, show cooking aperti a tutti, con musica, cantanti, spettacoli, animazioni e intrattenimento anche per i bambini.
 
Informazioni tel +39 0781855298  email associazioneciao@tiscali.it
 

Link relativi all'Articolo - Sagra del Cascā


Torna indietro