L’Astragalus maritimus moris è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle leguminose che vive esclusivamente sull’isola di San Pietro, proprio perquesto l'abbiamo scelta come simbolo nel nostro logo turistico. La pianta fu rinvenuta per la prima volta sull’isola dallo studioso Giuseppe Giacinto Moris nel 1827. Questo rarissimo e particolare endemismo fu decritto dallo stesso Moris in modo incompleto perché i campioni raccolti furono prelevati nel mese di gennaio e privi in quel mese di infiorescenze. Solamente nel 1970 la pianta venne rinvenuta nella stessa località indicata quasi 150 anni prima dal botanico torinese, da due botanici dell’università di Cagliari, nell’ambito di uno studio floristico sull’isola di San Pietro.

In seguito numerosi sono stati gli studi e i tentativi di porre in relazione Astragalus maritimus moris con altre flore, ma quasi tutti gli studiosi sono giunti alla conclusione che questa pianta è effettivamente una specie a sé stante, che vive in un ambiente dove pare non possa o non riesca ad espandersi. La presenza di questa particolare specie è oggetto tuttora di ricerche e di studio per accertarne l’origine. L’ipotesi prevalente è quella che sostiene la presenza di questa specie sull’isola in ere geologiche molto lontane, tale da definirla un paleoendemismo in quanto non si riesce a collocarla tra le specie attuali.

Astrgalus maritimus morisè una pianta perenne con un’altezza variabile tra i 20 e i 30 cm. e i rami lunghi 10/15 cm. Le foglie si presentano composte, di forma ellittica, in un ramo se ne possono contare mediamente una ventina, sono glabre nella parte superiore e pelose in quella inferiore.

@Nicolo Capriata per il Comune di Carloforte

Link relativi all'Articolo - Astragalo, una pianta unica


Torna indietro